Sovraesposizione

HONIRO

NEWS

Caporale, l'Outsider del rap Italiano, leggi l'intervista

Home >> News >> Caporale, l'Outsider del rap Italiano, leggi l'intervista

 
2018

09 AGO

 
Caporale, l'Outsider del rap Italiano, leggi l'intervista

Caporale, l'Outsider del rap Italiano, leggi l'intervista


Marco Spagnoletti, in arte “Caporale”, rapper classe 96, cresciuto in un piccolo paesino agricolo pugliese, in provincia di Foggia.
Giovanissimo si affaccia al mondo e alla cultura Hip-Hop e già dall’età di dodici anni inizia a calcare i primi palchi affiancato dalla crew Super Blunt Clan, nonché un gruppo di amici di lunga data cresciuto con la stessa passione e stessi ideali, ancora attiva oggi giorno.
Dopo le varie esperienze, tra cui live, open live, contest e dopo aver registrato qualche singolo, nel 2016 presenta il suo primo progetto da solista: “Outsider”, prodotto interamente dai giovanissimi Francesco e Alessandro Stella in arte “Starbreads”. Disco autobiografico nel quale si racconta e descrive la realtà che lo circondano.
Nel Novembre 2017 si trasferisce a Fuerteventura, una delle sette Isole Canarie,dove con la collaborazione di Remo Angeloni nasce il videoclip di “Ooutside”, title track del disco. Un tema che evidenzia appunto la voglia di evadere dall’opprimente realtà che si respira per le sue strade.

Abbiamo intervistato Caporale per approfondire al meglio l'uscita del videoclip, del disco e di tanto altro. Buona lettura

Ciao Caporale, presentati agli utenti di Honiro Journal
Salve mi chiamo Marco Spagnoletti in arte Caporale.

Hai iniziato con il rap da giovanissimo con i live, contest ecc. ma solo di recente hai deciso di "fare sul serio" con "Outsider", come è nato il disco?
Outsider nasce sicuramente dall'incontro con gli Starbreads, i produttori del disco, e dalla necessità di raccontare e raccontarmi.
Outsider ha un sound sperimentale che spazia dalla Drum and Bass all' Hip-hop passando per la Progressive. Le liriche sono per lo più uno sfogo, un reportage senza filtri di ciò che la mia gente vive.

Subito dopo il rilascio ti sei trasferito dalla provincia di Foggia a Fuerteventura, hai messo in pratica la tua voglia di evadere?
In realtà sono stato quasi costretto ad evadere per continuare a lavorare a questo progetto; ed uno dei principali motivi del mio trasferimento è stata proprio l'idea di voler girare alle Canarie il videoclip di Outside.



A livello musicale come hai vissuto questo cambiamento?
Questo è stato un cambiamento fondamentale grazie al quale "he aprendido otro idioma", avendo così la possibilità di collaborare e confrontarmi con artisti di diverse culture.

"Outside" è il videoclip della title track dell'album scritto nel 2016, un pezzo molto sentito. Che effetto ti fa pubblicarlo adesso che da un anno vivi all'estero?
Fa sempre un bell'effetto raggiungere un obbiettivo. Pubblicarlo adesso che sono così "fuori" e lontano da quella realtà , mi riporta indietro e allo stesso tempo mi da la sensazione di vivere quello che canto.

Com'è la vita da rapper Italiano alle Canarie?
Quest' isola per me si è rivelata una fortuna, anche se per un rapper italiano non ci sono moltissime possibilità.

Cosa bolle in pentola?
Un paio di collaborazioni con dei rapper colombiani e il nuovo disco.

Saluti
Restate connessi! Bella!

 

COMMENTI