Connect with us

News

Una notizia che farà  piangere i puristi: il rap è il genere pi๠venduto in Italia nelle ultime settimane

Pubblicato

il

_Sto guardando questo vecchio stereo che mi ha regalato mio zio quando ho compiuto 8 anni.
Questo, non è un testo adatto a chi ancora non ha capito che la musica è (anche) un business, che si deve vendere e che la parola “commerciale” non è un insulto. Senza vendite il mercato sarebbe fermo, le produzioni inesistenti e il risultato finale…. NULLA. Ecco, Facce Caso. Invoco e parafraso il pensiero di Fabri Fibra: il migliore è quello che vende di più perchè evidentemente ha trovato la chiave giusta per arrivare al pubblico. E con ciò non si intende diventare pop o cambiare genere.
 Comunque, il mercato musicale si sta evolvendo un po’ come uno studente che scopre l’app giusta per copiare il compito in classe. In questo discorso ci dà una bella mano la FIMI, la classifica degli album più venduti e, soprattutto, quella fatina che smista dischi d’oro e di platino. Bene, nelle ultime 4 settimane abbiamo avuto nella top 3 sempre e solo dischi rap. Prima Guè Pequeno, poi Mostro, poi ancora Rkomi e ora Caparezza. Le altre due posizioni del podio sono state sempre marchiate a rotazione da Ghali e XXXTentacion, oltre ovviamente ai rapper che occupavano le posizioni più alte le settimane precedenti e ai Foo Fighters nell’ultima settimana. Guardiamoci negli occhi. Il rap è credibile, vendibile e ha un mondo attorno che permette e stimola la vendita di prodotti e dischi. Che siano in copia fisica o in digitale. Insomma, il rap, ad oggi, comanda come il bullo che ti tormentava alle elementari. A differenza di questi idioti (i bulli, si intende) il rap vince perché è un genere che sa parlare a tutti. Ha un linguaggio trasversale che abbatte tutte le differenze. Fa parlare di sè anche quando si farebbe gli affari suoi.
I rapper hanno saputo cavalcare lo strapotere dei social network facendo prima scendere la lacrimuccia ai media tradizionali e piegandoli poi alle loro condizioni. Sì, sono ancora terribilmente affascinato dal gusto di spendere i miei soldi per toccare con mano il lavoro di un artista e provare ad immaginare quanto tempo e fatica ci siano dietro a quel disco che gira nel vecchio stereo che mi ha regalato mio zio quando ho compiuto 8 anni_

Di @_ziannagram_

Condividi sui social
Continua a leggere

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO SRL - P.iva : 12208631007 - Sede legale : Via del mandrione, 105 - 00181 Roma | Powered by Dam Company