Connect with us

News

Achille Lauro e Boss Doms ballano sugli haters

Pubblicato

il

Il rapper romano ha nuovamente diviso la scena con la sua Samba Trap: o lo ami, o lo ascolti o… non puoi capire.
Passaggio perfetto. L’attaccante anticipa il difensore spalle alla porta. Si gira. Destro secco sotto la traversa. Mano sul volto e tutti sotto la curva. Dai, non ci credo che non hai capito i personaggi. Il “flaso nueve” è Achille Lauro, in difesa la trap, esultanza in stile “No Face Agency” e la curva tutti noi che ci stiamo pompando “Amore mì” e ancora non abbiamo capito perchè. Funny, eclettico, Samba Trap: chiamalo come ti pare ma questo successo è una novità assoluta. La trap ringrazia, impara e prosegue senza aggiungere nulla. Sia chiaro, io sono particolarmente avvezzo alle novità. Quindi, una mina così ben innescata nel sottosuolo del panorama rap italiano non poteva che stuzzicarmi.

Mi piace chi rischia, chi ci prova e chi non molla. Da “Barabba Mixtape” sono cambiate più cose che nella politica italiana degli ultimi vent’anni. Ah certo, non voglio neanche sentir parlare di “commercialata ben costruita”. Questo l’ho già detto. Comunque, Achille e Boss Doms hanno premuto play e tutti a gambe all’aria.

Amore mì è come il sushi. Mettiamola così. Andiamo di metafore. Scena. Sei a cena con Lauro in un all you can eat. Buono questo sushi, ormai piace davvero a tutti. E mentre io mi prendo un buonissimo nighiri al salmone lui mi ordina un roll con tonno, avocado, mayo e tabasco. Achille, qualcosa non va? Poi lo intingo nella salsa di soia… e chi smette più. Mixare sonorità latine in un pezzo molto più trap di quello che possa sembrare. Eccola la ricetta della hit. Uno dei punti di forza di Achille Lauro sono stati da sempre i contenuti. Questa vita vissuta così grigia, così difficile. Quei palazzoni. Quella Roma tetra che puzza di polvere da sparo e pavimenti sporchi di sangue. Achille ha scommesso nuovamente su di sé tra l’altro chiamando il suo nuovo business “No Face”, che a me sa tanto di “non guardare stai zitto e ascolta la mia musica”.

Ora siamo al delirio artistico, allo sfarzo e all’ostentazione di chi premeva un grilletto in un quartiere dormitorio e ora preme play sulla traccia e a dormire non ci va più nessuno. Dopotutto, “è una giungla amore mì”, faccecaso…

Di @_ziannagram_

Condividi sui social
Continua a leggere

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO SRL - P.iva : 12208631007 - Sede legale : Via del mandrione, 105 - 00181 Roma | Powered by Dam Company