Connect with us

Intervista

“Storia di un blindato”, IUMAN ci racconta come nasce il suo singolo di denuncia

Pubblicato

il

Il nuovo singolo di IUMAN

Il nuovo singolo di IUMAN è “Storia di un blindato”, prodotto da gheesa e presente nei migliori digital store dal 29 Gennaio 2021.

Il rapper cremonese, classe ’98, nel 2019 pubblica il singolo Respira feat. D-Verse per la label indipendente Bounce Records e con il supporto di Macro Beats. Dopo il lockdown il suo progetto musicale assume una chiave diversa, più diretta e legata alle origini della propria storia di scrittura.

Il rap italiano tinge nuovamente le sue rime con una storia di cronaca, tornando al servizio dei racconti di denuncia degli episodi più critici che ogni giorno sconvolgono il nostro Paese.
Tra tanta autocelebrazione e leggerezza, l’artista decide di rompere il silenzio con questo brano, nato nel lontano 2013, quando ad appena quindici anni IUMAN è vittima di un violento arresto da parte di due carabinieri.

Il nuovo singolo di IUMAN è un racconto crudo e dettagliato che lo stesso rapper ha raccontato a noi di Honiro Journal, tra rivincita, parole e sound.

IUMAN benvenuto! Prima di parlare del nuovo singolo, raccontaci com’è nato il tuo percorso in questo mondo…
Mi sono avvicinato alla musica quando avevo già circa 11 anni. Inizialmente ho pubblicato alcuni progetti sotto il nome Zayman e nel 2018 è uscito “Caricature”, un EP molto importante. Ho alle spalle un percorso di esperimenti e contaminazioni, nonché live in giro per l’Italia.

Poi hai scelto di chiamarti IUMAN. Come mai?
Il nome si avvicina di più al senso di umanità che voglio dare alla mia musica, una sonorità capace di essere vicina a tutti. Parlo di quotidianità, di temi scottanti, ma spesso tralasciati. C’è da dire che dopo il lockdown il progetto musicale ha preso una piega più diretta e legata alle mie origini.

E’ qui, infatti che arriviamo a “Storia di un Blindato”. Cosa ti ha spinto a riportare alla luce un episodio così forte?
Ho deciso di rompere il silenzio. Non sono l’unico protagonista di una storia simile. A 13 anni sono stato arrestato in maniera violenta e no, non c’era bisogno di tutta quella fermezza. A 13 anni forse puoi essere un po’ brillo certo, ma non tanto da essere bloccato senza pietà da due carabinieri.
Cronologicamente, Storia di un blindato è il primo brano che ho registrato, ho scelto di farlo uscire solo ora perché penso che possa essere di grande sostegno. E’ comunque un testo tagliente, forse a 13 anni non sarebbe passato lo stesso messaggio che sta passando ora.

Di certo non una bella esperienza, di storie così se ne sentono tutti i giorni. Non tutti sono così fortunatamente e se non erro questo personaggio adesso sta pagando i suoi abusi di potere…
Il maresciallo protagonista dell’arresto è oggi in carcere per spaccio, abuso di divisa, associazione a delinquere di stampo mafioso, nonché di violenze di ogni genere. Non sono stato l’unico a vedersela con lui, il mio presentimento che non fosse una brava persona era veritiero.

Torniamo un po’ all’aspetto artistico. Se dovessi descrivere, a questo punto, il tuo sound con tre aggettivi?
Fresco, umano e crudo.

Il singolo ha lasciato il segno, ma cosa prevede il futuro per IUMAN?
Ci sono tanti pezzi pronti. Usciranno dei singoli prima dell’estate, non voglio fermarmi. Sicuramente c’è un progetto più corposo al quale sto lavorando con il mio team. Ne ascolterete delle belle.

C’è qualcosa che la musica non può fare? IUMAN ci ha dimostrato come la denuncia, il bisogno di rappare l’ingiustizia, siano solo alcuni dei tanti temi che solo la musica a volte riesce a spiegare. Sound, tematiche sociali e tanta voglia di farcela. Si prevede un bel percorso per il giovane rapper.
“Storie di un blindato” è il nuovo singolo di IUMAN, siamo certi che sarete curiosissimi di ascoltarlo. Fateci sapere cosa ne pensate!

Condividi sui social
Continua a leggere

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO SRL - P.iva : 12208631007 - Sede legale : Via del mandrione, 105 - 00181 Roma | Powered by Dam Company