Connect with us

News

Carlo Corallo racconta “UN MEDICO MI HA FATTO AMMALARE”, il singolo con DUTCH NAZARI

Pubblicato

il

Il rapper e cantautore Carlo Corallo ritorna con il singolo “Un medico mi ha fatto ammalare”, abbracciando la profondità delle emozioni. La collaborazione con Dutch Nazari evidenzia la versatilità artistica di Corallo ed il modo di raccontare storie intense attraverso la musica.

Per l’occasione abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui su musica, progetti e futuro.

Puoi raccontarci come è iniziata la tua avventura nella musica? C’è un momento specifico o una persona che ti ha ispirato a intraprendere questa strada?
Il mio rapporto con la musica è nato quando vivevo ancora in provincia (precisamente a Ragusa) e cercavo un senso a tutto o forse soltanto una linea guida da seguire che si confacesse a ciò che riuscivo a padroneggiare in modo spontaneo: le parole. Una figura che mi ha ispirato è sicuramente mio nonno materno, che si dilettava nella scrittura interpretandola come un hobby e una via di fuga dalle consuetudini della quotidianità. La sua sensibilità verso l’arte è stato un privilegio di cui ho beneficiato, dal momento che in alcuni luoghi della Sicilia intraprendere questo percorso porta inevitabilmente a scontrarsi con le aspettative più “canoniche” della gente che ti circonda.

“Un medico mi ha fatto ammalare” affronta temi profondi legati alle relazioni. Cosa ti ha ispirato a scrivere questo brano e come hai lavorato sulla sua creazione?
Sono stato ispirato da una situazione realmente vissuta e dall’atteggiamento che buona parte dei lavoratori che godono di un certo “status” ha verso le altre persone. Per quanto la canzone parli effettivamente di una ragazza che fa il medico, questo ruolo rappresenta anche uno stratagemma narrativo per incarnare tutti coloro i quali si identificano con la propria professione, spesso sbagliando e fornendo una versione idealizzabile di se stessi. Quindi, parlando di lei parlo anche di me.

La collaborazione con Dutch Nazari è molto interessante, avevate già in mente di collaborare in passato? Com’è stato lavorare con lui?
In passato gli avevo proposto di scrivere e cantare il ritornello del brano “Natura Umana” contenuto in “Quando le canzoni finiscono”, ma era impegnato e avrebbe voluto cimentarsi anche in una strofa rappata. Così, dallo scorso settembre abbiano iniziato a vederci e a parlare di musica frequentemente, diventando amici e poi passando al lavoro in studio. Lavorare con lui è stato facile ed è avvenuto naturalmente: abbiamo riferimenti comuni e un percorso che oltrepassa le mura della provincia, espandendosi fino alle orecchie di tutti coloro i quali hanno la sensibilità di ascoltare musica basata sul contenuto e su un testo spesso articolato.

Maurizio Cattelan ha creato un’opera basata su un tuo saggio per il “Manifesto del Cambiamento”, anche questa una bella soddisfazione. Parlacene meglio!
L’ opera di Cattelan ha dato una nuova vita al mio saggio, orginariamente scritto per il manifesto edito da Treccani. Trovo il ghosting sia un problema di comunicazione in totale crescita nella GenZ e totalmente sottovalutato anche dalle altre persone, causando, così, importanti problematiche nel mondo relazionale e lavorativo, dove scomparire all’improvviso, a seguito di una corrispondenza continuativa, comporta un forte senso di inadeguatezza e umiliazione (più in ambito relazionale). L’artista padovano ha deciso di rappresentarlo con una scritta in rilievo che riporta immediatamente alla mente l'”effetto fantasma”, metafora di chi scompare senza scrupoli.

Nel brano, parli dell’amore a tratti come un controsenso. Come gestisci la tua relazione con la musica e con la scrittura dei testi, considerando la profondità dei temi che affronti nelle tue canzoni?
Come detto altre volte, l’amore è per me un controsenso perchè so descriverlo in ogni dettaglio, ma non so gestirlo all’interno della mia vita. La scrittura, come l’amore, mi fa stare bene e male allo stesso tempo: bene quando dopo ore di riflessione affiora alla mente un’idea utilizzabile in una canzone, che rappresenta pienamente ciò che voglio dire e da valore al mio lavoro; male perchè la penna decide autonomamente quando scrivere e spesso ciò corrisponde al momento in cui tutto diventa più buio. Sto iniziando a razionalizzare il fatto per cui, nel mio caso, scrivere equivalga a soffrire.

Come hai evoluto il tuo stile musicale e cosa possiamo aspettarci dal tuo futuro lavoro? 
Il mio stile si è evoluto avvicinandosi sempre più alla formula canonica della canzone italiana. All’inizio scrivevo brani di 5 minuti senza ritornelli, con schemi metrici complessi. Oggi ho scoperto i vantaggi del “less is more”, dando ancora più luce alle figure retoriche e alle immagini contenute nei versi, oggi spogliati da tutte le sovrastrutture in eccesso. In futuro ci sarà una maggiore attenzione ai momenti melodici in alcuni pezzi, in modo di giustificare la follia sperimentale che, invece, accompagnerà altri. Credo che un buon album debba fornire porte d’accesso, prima di potersi ramificare nei suoi lati più complessi. Non esistono labirinti senza entrata.

Condividi sui social
Continua a leggere

News

“ECO” è il primo EP di SUSPECT CB

Pubblicato

il

“ECO” è il primo EP di SUSPECT CB, disponibile su tutte le principali piattaforme di streaming da venerdì 12 luglio per Capitol Records / Universal Music Italia.

Anticipato dal successo del singolo “Giorgia” con Ernia, brano che lo ha fatto conoscere e da “PRIMO MINISTRO” con Vale Pain“ECO” sancisce l’esordio ufficiale del rapper sulla scena.
L’artista, tra gli astri nascenti del panorama urban, si distingue per un flow unico che lo avvicina alle sonorità della drill, in un’inedita commistione di sonorità hip hop ed elementi che provengono dalla black music, esplorata in tante sfaccettature.

La parola scelta per il titolo richiama all’immaginario di una delle passioni di Suspect, la montagna ‐rievocata anche nella veste grafica del progetto‐ e ne cela il significato più ampio: con “eco” si intende l’insieme di tutte quelle sensazioni, idee, pensieri che rimbombano in testa e che vanno a costruire l’identità di ciascuno.

“ECO” nasce dall’esigenza di raccontare una parte di sé, 9 tracce che ripercorrono parte del vissuto di Suspect. Un biglietto da visita in cui per la prima volta il rapper decide di mostrare una parte più intima e personale che non aveva rivelato con i precedenti singoli: l’adolescenza vissuta in provincia, a Reggio Emilia, città che lo ha cresciuto e la centralità del suo quartiere nel suo percorso di crescita. Un luogo che è stato una casa ma al tempo stesso, nella lentezza e nella noia di un posto periferico, uno strumento di stimolo per cambiare le cose, uno spazio in cui esplorare e creare; ma anche il presente a Milano, la sua visione del mondo e le sue passioni, come quella per la montagna, un posto dove raccogliersi e da cui poter guardare la deformazione della società attuale.

Prodotto da ExA, con la partecipazione di Sixpm, Idua e Yazee, il disco ospita alcuni dei nomi più caldi del panorama: da pesi massimi della scena come Ernia e Vale Pain a nuove promesse come Flaco G, Nèza e 22simba, tutte le collaborazioni si inseriscono coerentemente sui brani, ciascuno contribuendo con strofe di sfogo, entrando nel viaggio di Suspect.

TRACKLIST

1. Parte di Me
2. Giorgia feat. Ernia
3. American Express
4. Drammi di Zona
5. Tornerò feat. 22simba
6. Una Notte da Leoni feat. Nèza
7. Primo Ministro feat. Vale Pain
8. Mare d’Inverno feat. Flaco G
9. Cassetta di Sicurezza

Condividi sui social
Continua a leggere

News

MezzoSangue annuncia la pubblicazione di “CAPITAN PRESENTE”

Pubblicato

il

MezzoSangue annuncia la pubblicazione di “CAPITAN PRESENTE”, il brano culto che sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali per Columbia Records / Sony Music Italy a partire da venerdì 21 giugno.

Dopo la pubblicazione del suo ultimo album in studio SETE e la collaborazione – l’unica presente – nell’album di ULTIMO “Altrove” sul brano “Diluvio Universale”, l’artista torna con l’annuncio della riedizione di uno tra i brani che lo hanno consacrato nella scena hip hop nazionale.

Nel 2012 un giovanissimo MezzoSangue prendeva parte al contest YouTube “Capitan Futuro”, fondato dallo storico rapper Esa, con la traccia “CAPITAN PRESENTE”, che pur non accaparrandosi la vittoria inizia a circolare in tutta Italia e ad accendere una luce sull’artista mascherato, diventando un piccolo-grande culto nella scena underground. Il brano diventa il primo seme di un mixtape, “MUSICA CICATRENE” -uscito in free download lo stesso anno- destinato a diventare una pietra miliare del genere.

Primo capitolo del suo percorso, “CAPITAN PRESENTE” è un brano che nasce con l’urgenza di un freestyle che (quasi) inconsapevolmente racchiudeva tra le sue barre già molti dei punti cardine di un manifesto artistico e valoriale che sopravvive a distanza di dodici anni.

La traccia porta MezzoSangue a farsi conoscere e apprezzare per la sua espressività e un flow ruvido ed esplosivo, tratti identitari dell’artista, che esordisce con un brano che muove una diretta e feroce critica sociale, investendo tantissimi aspetti dell’era contemporanea: dalla brutalità del capitalismo ai tecnici di governo che in quegli anni erano preposti alla guida dell’Italia, in generale un j’accuse a una società in cui l’“arte si fa moda, l’informazione guerra”.

La traccia approda in una veste completamente inedita -dopo dodici anni- sulle piattaforme digitali, interamente ri-registrata nella voce e rivisitata nella sua produzione, curata da G-laspada e anticipa la pubblicazione di “MUSICA CICATRENE – THE ALBUM”, in uscita venerdì 19 aprile.

“Riprendere in mano questo brano è stato’ un po’ come ricominciare il viaggio. Mi sono chiesto come mi sia venuta l’idea di prendere la maschera e registrarmi così, senza pensarci due volte. C’era solo anima in quelle parole, un po’ come in tutto il disco, per questo sono partito da quello, senza pensarci due volte.

BIOGRAFIA

MezzoSangue si è presentato alla scena rap italiana il 1° luglio 2012 con un video su YouTube, con il quale partecipava ad un contest ideato dal rapper Esa, il “Capitan Futuro Rap Contest”. Il rapper nel video indossava un passamontagna, divenuto poi il suo simbolo di riconoscimento. Gli fu assegnato da Esa il premio della Critica visti i consensi raggiunti da parte del pubblico. Lo stesso anno inizia la collaborazione con il produttore romano Squarta, e il 5 Novembre 2012 viene alla luce il suo primo lavoro, Musica Cicatrene Mixtape. Subito si accorge di lui Salmo e partecipa con il singolo “Diventa quello che sei” al Machete Mixtape Vol.II. Con l’artista Sardo collaborerà poi in un brano presente nel suo album “Midnite” uscito il 2 Aprile 2013.

Il 22 Novembre 2013 viene rilasciato in freedownload “Hurricane Mixtape” hostato da Mezzosangue, con l’intento di promuovere giovani artisti emergenti, all’interno del mixtape sono presenti due tracce del rapper. Il 23 Maggio 2014 comunica l’imminente rilascio del suo primo album ufficiale “Soul of a Supertramp” (previsto il 23 Settembre) che viene preceduto ogni 23 del mese dai singoli “Circus”, “Sangue”, “De Anima” e “Verità”. Il disco uscirà in realtà il 23 gennaio del 2015 in concomitanza col video “Benoit Lecomte”. L’album, uscito in free-download, è diventato un classico nella comunità rap italiana e i concerti che ne seguono sono stati sempre più partecipati e sentiti dal pubblico di tutta Italia. Dopo una lunga serie di show sempre più gremiti, Mezzosangue ha annunciato il ritorno in studio di registrazione per il suo secondo album (doppio) intitolato “Tree – Roots and Crown”, uscito il 23 Marzo 2018 e seguito nel 2019 dal singolo “Parlami”. Dopo un’attesa di quattro anni, il 1° dicembre 2022 annuncia il suo ultimo album dal titolo “SETE” preannunciato dall’omonimo singolo.

Nel 2023 porta live il suo ultimo progetto in un tour sempre più importante a livello di presenze e di spettacolo, raggiungendo palchi come quello dello Sziget in Ungheria. A inizio 2024 ristampa “Soul of a Supertramp” e “Tree – Roots and Crown” andando sold out in poche ore. Il 17 Maggio esce poi il featuring con Ultimo “Diluvio Universale” unica collaborazione nell’ultimo album del cantautore romano. Il 21 giugno pubblica sulle piattaforme digitali “CAPITAN PRESENTE” che anticipa l’uscita di “MUSICA CICATRENE – THE ALBUM”, il nuovo disco fuori venerdì 19 luglio per Columbia Records / Sony Music Italy.

Condividi sui social
Continua a leggere

News

Dopo il doppio disco di platino per “ROSSOFUOCO”, MIDA pubblica il video di “QUE PASA” 

Pubblicato

il

È online il video di “QUE PASA, brano di Mida contenuto nell’EP “IL SOLE DENTRO”, una pubblicazione in licenza esclusiva M.A.S.T./Believe

Il videoclip, diretto da Alessandro Maiorano, si apre in una stanza d’hotel, dove Mida e una ragazza sono sdraiati su un letto. Il protagonista decide di andarsene e inizia a vagare per la città. A seguirlo, tanti petali di rosa che richiamano la sua attenzione e sembrano riportarlo sempre indietro, a ricordargli di un legame che ormai non può più ignorare, tanto potente quanto distruttivo, dal quale è impossibile fuggire. Il videoclip si chiude con una nota ambigua, lasciando allo spettatore la sensazione di un ciclo che si ripeterà all’infinito, un loop di attrazione e fuga, in cui l’unica certezza è il loro inevitabile ritorno l’uno all’altra.

Il videoclip di “QUE PASA” giunge a poche settimane dall’uscita dell’EP “IL SOLE DENTRO” e dalla conclusione di un instore tour di successo che ha toccato le principali città italiane. Il progetto discografico si compone di sei tracce e include anche il brano “ROSSOFUOCO”, con cui ha ottenuto il prestigioso Premio Spotify”e che ha conquistato la certificazione di Doppio Disco di Platino

Mida ha inoltre recentemente annunciato che porterà la propria musica live con due imperdibili date: martedì 3 dicembre ai Magazzini Generali di Milano e domenica 8 dicembre al Largo Venue di Roma.

Mida è un cantautore classe ’99 nato a Caracas da madre venezuelana e padre italiano. Cresciuto a Milano, si avvicina alla musica all’età di 11 anni e in poco tempo alcuni dei freestyle pubblicati sul web iniziano ad attirare l’attenzione di pubblico e addetti ai lavori. A 16 anni entra nella Blocco Recordz di Emis Killa, con il quale gira l’Italia come open act del suo tour. Nel 2020 decide di ripartire da indipendente: “Ratatah Freestyle #3” segna il suo ritorno sulla scena, seguita da “Davvero”, il suo primo singolo ufficiale di questo nuovo percorso. “MMM” è invece la seconda uscita dell’estate 2020, prodotta da Lax, a cui fa seguito “Dinero”, punto di svolta nel nuovo viaggio di Mida. Il rapper partecipa, inoltre, al format culto di “Real Talk” dimostrando una grande capacità come performer; nello stesso anno collabora all’album “Napoli 51” di Nicola Siciliano nel brano “Slide (Passo Dopo Passo)”. Il 2021 si apre con la pubblicazione del singolo di successo “Ricordarmi di scordarti”, certificato Disco di Platino, che insieme al brano “Lento” totalizza oltre 30 milioni di stream sulle piattaforme digitali confermando il giovane artista come una delle promesse più interessanti nel panorama italiano.

Nel 2022 esce invece Stupido Sentimento, seguito dalla collaborazione con Olly nel brano Fidati di me. A ottobre dello stesso anno pubblica il singolo Ti sta bene, seguito dalla pubblicazione di Malditè, brano in gara alla finale di Sanremo Giovani 2023.

Il 2023 si apre con la pubblicazione di “Casa”“Fuori posto” e “ORO”, che precedono l’ingresso di Mida nella scuola di “Amici”. Durante la permanenza nel programma l’artista pubblica i brani “ROSSOFUOCO”, attualmente Disco di Platino, “MI ODIERAI”“FIGHT CLUB” e “QUE PASA”.

Condividi sui social
Continua a leggere

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO SRL - P.iva : 12208631007 - Sede legale : Via del mandrione, 105 - 00181 Roma | Powered by Dam Company