Connect with us

News

Il San Valentino che non aspetti è Joe Scacchi Live a Touch The Wood

Pubblicato

il

Continua la proposta di Touch The Wood delle migliori realtà hip hop provenienti da Roma. Venerdì 14 febbraio è la volta di Joe Scacchi. Il suo album “Marketing” racconta la città nella sua versione più oscura con rime cupe, abrasive e spontanee.

Con una voce distorta o con l’autotune, il giovane rapper parla dei desideri infranti e la perdita di prospettive per il futuro della sua generazione. In apertura e chiusura i resident deejay del party Marco G. & Mr. Kite e Bmbx.

Joe Scacchi è (Lorenzo Scacchi un classe ’95, anche lui cresciuto tra le mura del Virgilio, liceo che è diventato la culla per la nuova generazione hip hop romana (La crew 126, Carl Brave i Tauro Boys per citarne alcuni). Cresce ascoltando Noyz Narcos, il Truceklan e tanto rap.

 I suoi primi passi nel genere li muove all’interno del collettivo Wing Klan formato insieme al rapper Goya, a cui si affianca anche il producer Nikeninja. Il progetto riceve il supporto di Carl Brave e della crew 126 con cui collaborerà per “Marketing” in cui compaiono diversi nomi del collettivo trasteverino (Ketama126, Ugo Borghetti, Pretty Solero). Il Wing Klan pubblica l’album “I CAN FLY” con cui inizia a farsi un nome nel circuito rap romano e nazionale.
Goya e Joe Scacchi iniziano a pubblicare materiale da solisti pur non abbandonando il progetto comune.

Joe Scacchi pubblica il suo primo album a novembre 2020, prodotto principalmente da Nikeninja, Crookers e Nic Sarno.  Il rapper romano si dimostra più maturo e più inquadrato, raccontando la sua Roma in una chiave oscura che ritrova molte coincidenze con Noyz Narcos, uno dei suoi maggiori ispiratori”. Titolando il disco “Marketing”, Joe Scacchi vuole prendere le distanze da quegli artisti che si concentrano maggiormente alle trovate pubblicitarie rispetto alla musica.

Il suo immaginario sonoro è composto da ambienti musicali noir e un’attitudine neorealista 2.0.

Con uno sguardo più neutrale possibile, infatti il rapper racconta il disincanto e il senso di abbandono che sta vivendo la sua generazione. In un’intervista per Noisey (Vice) ha affermato:

“Ho notato che spesso l’oscurità dei miei testi non viene molto calcolata: droga, ragazzi che perdono le prospettive per il futuro, desideri infranti, questa pseudo-depressione generazionale. Io ‘sta roba la voglio nei testi perché è la mia vita, è quello che ho attorno. Non può essere tutto rose e fiori, e se il disco viene apprezzato significa che c’è bisogno anche di roba cupa, di uno sfogo… vedo tristezza nella gente. (….)”

Quando il rapper parla di droghe: “Adesso non ci sono né rivoluzione né divertimento, sembra che tutti vogliano assopirsi, svuotarsi.”

Ore 23:00

Biglietti: 10 euro (Disponibili solo al Botteghino)

INFORMAZIONI: 06 5748277

Condividi sui social
Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO srls P.IVA 12208631007 Sede legale: Ippolito Nievo 61 - 00153 Roma. Powered by Dam Company