Connect with us

News

Dj Bront x Honiro Journal, tra novità importanti e progetti futuri

Pubblicato

il

Dj Bront 3

Ci eravamo già sentiti a gennaio e in poco tempo il percorso artistico di Dj Bront ha già subito nuove interessanti sterzate. A Maggio è diventato campione italiano DMC Battle For Supremacy, e lo scorso Sabato (il 28 Settembre) è stato a Londra a fare i mondiali. Inoltre a Luglio è diventato campione italiano della Killa Combat Scratch. In pratica ha vinto le maggiori competizioni per Dj di quest’anno.

E noi abbiamo voluto recuperare qualche altra chicca su di lui.

Dall’ultima intervista hai raggiunto altri importanti traguardi,l’ultimo lo scorso Luglio vincendo il primo premio della Killa Combact Scratch (l’importate gara di freestyle creata nel 2006 da Dj Skizo) vuoi parlarci di ciò che è accaduto in questi mesi?
Sono stati mesi in cui mi sono allenato parecchio! Dopo aver partecipato al Mondiale IDA a Cracovia mi aspettavano a Maggio il DMC Italy, che ho vinto, e appunto la Killa Combat Scratch. Preparare due gare nazionali non è facile perché richiedono molta preparazione e sono felice di essere riuscito a dare il massimo in entrambe le situazioni e portare a casa il titolo. Per la Battle For Supremacy del DMC Italy ho dovuto preparare delle routine da 90 secondi in cui alternavo beatjuggle a scratch, mentre la KCS è una gara di improvvisazione, quindi mi sono allenato su diversi generi musicali a fare scratch freestyle!



Nel 2015 avevi già partecipato a questa competizione come è cambiato il tuo approccio a distanza di anni?
C’è stato un percorso dietro alla vittoria della KCS. Nel 2015 avevo iniziato da circa 1 anno a fare gli scratch quindi entrare nelle Finali Italiane per me era già una figata pazzesca! Inoltre quell’anno le Finali erano alla Festa della Musica di Milano, quindi uno show con molto pubblico ed in una bella cornice. Questo mi ha aiutato perché dopo quella esperienza così diretta ho superato la “paura” di esibirsi davanti ad un pubblico e mi sono trovato molto a mio agio su tutti i palchi che ho calcato più avanti. L’anno dopo riuscii a riconfermarmi alle Finali Italiane con un 4° posto in mezzo a Dj sempre più esperti di me e che erano sui giradischi da più tempo. Nel 2017 mi sono preso un anno di pausa e quando son tornato nel 2018 sono riuscito a raggiungere il podio con il 3° posto. Infine quest’anno sono riuscito ad arrivare 1° e vincere, è stata una soddisfazione enorme! Credo che l’approccio sia sempre stato lo stesso, cioè avere il dente avvelenato e non smettere mai di allenarsi fino a raggiungere l’obiettivo!

Oltre al mondo delle gare sei diventato anche Dj di Real Talk Italy presiedendo anche alla serata live al Carroponte. Come ci si sente dopo tanti sforzi e traguardi raggiunti a trovarsi finalmente a lavorare in una serata di questo calibro?
Con Real Talk abbiamo portato avanti tanti progetti, partendo dagli Street con artisti come l’Elfo o Sensei e dagli Studio con Beba o Massimo Pericolo, fino ad arrivare alla realizzazione di Real Talk Cypher Vol.1 che è davvero un progetto in cui ho messo il cuore realizzando tutti i mixaggi e gli scratch. Al Carroponte c’erano almeno un 3000 persone ed una serie di artisti affermati davanti a me, quindi è stata una grande emozione far parte dell’evento, ma mi sono trovato a mio agio sul palco anche perché ormai con le gare sono riuscito a farmi la pelle dura. E’ stato un punto di arrivo a coronamento di un anno ricco di soddisfazioni, ma anche un nuovo punto di partenza per portare avanti nuovi progetti con Real Talk e non solo!

Cosa ti sentiresti di dire a un giovane ragazzo alle prime armi che vuole approcciare a questo mondo e intraprendere questa carriera?
Mi hanno scritto diversi ragazzi interessati al mondo del djing, io credo che il mondo del giradischi sia bello perché molto meritocratico. Il giradischi ti restituisce esattamente ciò che gli hai dato. Quindi a chi è alle prima armi consiglio di mettersi a studiare questo strumento musicale, possibilmente affiancarsi a qualcuno che conosce le basi così da imparare più in fretta e non porsi dei limiti. Oggi sei in uno sgabuzzino a provare le basi dello scratch, domani chissà dove ti può portare un giradischi!

Hai partecipato anche al DMC World. So che è un successo a cui tieni parecchio, ci vuoi parlare di questa esperienza? 
Con la vittoria del DMC Italy a Maggio ho avuto la possibilità di partecipare al campionato mondiale DMC per la Battle For World Supremacy. Il DMC è la più importante organizzazione sopratutto nell’ambito gare essendo attiva dal 1985! La finale si è svolta a Londra ed erano presenti oltre 20 nazioni diverse, è stato bellissimo poter rappresentare l’Italia e confrontarsi con Dj da tutto il mondo. 

Di soddisfazioni ne stai avendo una dopo l’altra, c’è ancora qualche sassolino nella scarpa che vorresti toglierti per sentirti pienamente soddisfatto?
Ma guarda le soddisfazioni che mi son tolto si ripagano da sole di eventuali sassi nelle scarpe da togliere. Personalmente ho vinto in meno di 1 anno le 3 maggiori competizioni per Djs (IDA, DMC, KCS) ed è stato un traguardo che ho raggiunto per primo quello del “triplete”. Non l’ho fatto per avere dei tornaconti economici o di successo, ma l’ho fatto per l’amore della musica e del turntablism.. Tuttavia penso che meriteremmo più visibilità, più credito, come avviene all’estero dove le serate vengono sponsorizzate e spinte al pari di quelle di rapper o musicisti. Spero che un giorno arriveremo anche in Italia ad avere la fetta di torta che ci meritiamo.

Segui Dj Bront su:
Instagram
YouTube

Condividi sui social
Continua a leggere

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO SRL - P.iva : 12208631007 - Sede legale : Via del mandrione, 105 - 00181 Roma | Powered by Dam Company