Connect with us

News

Zerp 2.0, la novità, lo stacco rispetto al passato raccontato ad Honiro Journal

Pubblicato

il

Nato e cresciuto a Erba, una cittadina immersa nella Brianza lombarda, Alessandro Prete (aka Zerp 2.0) si avvicina al mondo della musica solamente nel marzo 2019 all’età di 19 anni. Trasforma pensieri di vario tipo in rime già dai primi anni dell’adolescenza, tuttavia non trova mai lo stimolo e la forza necessari per far sì che da semplici barre vengano fuori canzoni vere e proprie. Il tutto, però, è dovuto a un timore interiore: infatti, egli convive costantemente con la paura di essere giudicato per la erre moscia. Con il passare del tempo la paura viene pian piano convertita in rabbia, voglia di rivalsa e fame di successo, in quanto il parere della gente poco rispettosa diventa sempre più irrilevante. È così che il 19 aprile pubblica per la prima volta sulle piattaforme digitali “Disr4ptor”, un singolo che vuole ironizzare sugli ormai futili valori degli adolescenti del mondo di oggi. Da questo punto comincia un percorso fatto di sacrifici e costante desiderio di mettere in pratica i miglioramenti. In seguito a una particolare ispirazione, il 5 giugno pubblica il suo primo video ufficiale “Sei mia babe”, una love song che mischia caratteristiche musicali risalenti a qualche anno fa con suoni e melodie innovative, accompagnate da un testo che è dedicato contemporaneamente a tutti e a nessuno: di fatti, racconta una storia verosimile che ognuno di noi affronta nella sua vita senza però riferimenti a una persona specifica. L’ultimo singolo pubblicato, “No cover”, risale al 2 settembre e vede Zerp 2.0 sperimentare un’onda più fresca della trap school. Per quanto riguarda il futuro sta già lavorando assieme al suo team ad un nuovo singolo la cui uscita è programmata entro il mese di novembre.

E noi ci abbiamo fatto quattro chiacchiere

Partiamo proprio dalle origini: da dove nasce il nome “Zerp 2.0”? Mi lascia un senso di novità, stacco, rispetto al passato…
Prima ancora di prendere la decisione di iniziare questo percorso volevo un nome che fosse qualcosa di particolare e nuovo. È dai tempi delle medie che quasi tutti mi chiamavano Prez, soprannome simpatico che deriva dal mio cognome. Tuttavia come nome artistico non mi convinceva. Finché un giorno tra le varie soluzioni ho provato a invertire l’ordine delle lettere e Zerp mi è piaciuto subito. Dietro ci sono molti significati che rappresentano la mia persona, tra cui la somiglianza con la parola zero, segno dell’inizio di una nuova vita. Di fianco ho deciso di metterci 2.0 per sottolineare la freschezza e la novità del mio progetto, come se fosse un aggiornamento continuo. Da qui nasce Zerp 2.0!

Giugno è stato un mese molto caldo per te, con la pubblicazione del singolo “Sei Mia Babe”: ci parli di questo singolo?
Sì decisamente è stato un mese molto intenso. “Sei Mia Babe” è stato il terzo pezzo che ho registrato ma è forse il primo che mi ha realmente impressionato. Il sound, il testo, la melodia, il flow, tutto mi suonava molto bene nelle orecchie. Ho voluto raccontare una situazione comune a tutti senza però parlare di persone in particolare. Moltissimi ancora ora la ascoltano e si complimentano, e questo per me è un grande onore. Al tempo stesso bisogna sempre tenere i piedi per terra, siamo solo agli inizi. Certamente è una canzone piacevole che tutt’ora quando mi capita di ascoltarla o sentire qualcuno che la sta ascoltando mi lascia senza parole.

Anche il video sono certo sarà denso di curiosità e aneddoti…
Decisamente! La scelta di fare uscire il mio primo video su una canzone d’amore mi intrigava sin da subito. Non nascondo che assieme al mio team ho dovuto sbatterci la testa per scegliere le location, le modalità di registrazione e le molteplici scene del video. Abbiamo infatti deciso di simulare una storia passata tra me e una ragazza, come simbolo dei ricordi felici, e raccontare la storia da un punto di vista distaccato e anche un po malinconico. Il ragazzo che fa la comparsa infine rappresenta l’attuale fidanzato di lei, la quale però non vive a pieno i momenti assieme a lui. Non nascondo che inizialmente è stato un insieme di sensazioni e situazioni strane, che tuttavia ho saputo cavalcare e dopo poco tempo mi son sentito a mio agio. È stato molto divertente.

Ormai sei a quota 3 singoli: c’è nell’aria un disco?
Beh senz’altro ci stiamo lavorando e ci stiamo pensando da tempo. Capita molto spesso che qualche fan mi scriva frasi del tipo “quando esce il disco?” e quasi sempre rispondo con una frase divertente che mi disse tempo fa un professore: “prima di tutto vengono i preliminari, i figli si fanno più avanti al momento opportuno!”
L’unica cosa che mi sento di dire è che non vedo l’ora sia il momento giusto di pubblicare un mio disco, in cui potrò buttarci dentro tutti i miei sacrifici e le mie esperienze vissute.

Rivelami da dove trai la tua ispirazione
Scrivere lo vedo come uno sfogo personale di quello che mi sento dentro. Per me è molto più facile del previsto e la cosa che amo di più è che rimane sempre un elemento spontaneo: in una settimana mi capita di scrivere 10 pezzi come neanche uno. Tutto comunque nasce da ciò che osservo e da ciò che vivo. Molte volte mentre sono in giro noto qualcosa che mi colpisce, me lo appunto sulle note del telefono e da lì poi appena ho tempo trasformo la sensazione in un testo vero e proprio.

Siamo ai saluti Zerp 2.0! Lascia i lettori di Honiro Journal con un bello spoiler dai!
Innanzitutto ci tengo a ringraziare Honiro Journal per l’opportunità e i lettori per l’attenzione e il tempo che hanno dedicato a leggere questa intervista. Posso svelarvi che assieme al mio team stiamo continuamente lavorando a nuovi progetti. Fra le prossime uscite ci sarà sicuramente un nuovo singolo entro il mese di novembre, un pezzo a cui sono molto legato per il significato che ci sta dietro. Un saluto a tutti voi da Zerp 2.0!

Segui Zerp 2.0 su:
Instagram
Spotify

Condividi sui social
Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO srls P.IVA 12208631007 Sede legale: Ippolito Nievo 61 - 00153 Roma. Powered by Dam Company