Connect with us

Intervista

In “X2” vediamo tutte le sfaccettature di Sick Luke

Pubblicato

il

“X2” di Sick Luke sta segnando la scena e siamo solo all’inizio dell’anno. Tra un beat ed un nuovo posizionamento in classifica, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui.

Luke racconta di com’è nato questo “gioiello” e di come fosse inaspettato, visto che fino a poco tempo fa non immaginava di poter ideare un disco tutto suo, totalmente dipendente dal suo genio. A soli 27 anni è tra i producer più gettonati, uno dei talenti italiani più apprezzati. Non a caso “X2” è tra gli album più ascoltati al mondo.

Tantissimi feat non nati per caso, ma studiati ed analizzati dal primo all’ultimo insieme al chitarrista Valerio Bulla. Ben 17 tracce e 34 artisti tra i più presenti nelle playlist della scena: Gazzelle, Tedua, Geolier, Ernia, Ariete, Mecna, tha Supreme, Sfera Ebbasta, Franco126, Coez, Ketama126, Pyrex, Capo Plaza, Shiva, Ghali, Tony Effe, Chiello, Madame, Taxi B, Leon Faun, Jake La Furia, Fabri Fibra, Izi, Gaia, Carl Brave, Luchè, Cosmo, Pop X, Emis Killa, Side Baby, gli Psicologi, CoCo e Duke Montana. Proprio quest’ultimo lo ha ispirato sin da piccolo, essendo un componente del TruceKlan, ma soprattutto suo padre.

Non mi sono mai esposto molto sul mio privato, ho sempre tenuto ben separate le due cose. In Libertà, che tra l’altro è il pezzo al quale sono molto più legato, mi lascio andare e sono fiero di avere proprio mio padre nel disco.

Com’è cambiato Luke dagli inizi fino a oggi?

Sicuramente fare questo disco mi ha aperto un mondo che prima non conoscevo, cioè quello di non usare solamente il computer per fare musica, ma anche chitarre e bassi sintetizzatori. Nel disco ci sono tante sfaccettature diverse, puoi sentire veramente tante versioni di Luke.

“X2” di Sick Luke ha portato alla ribalta quello che lui ha definito il vero Dream Team della trap, non a caso nome stesso di una traccia. Stiamo parlando proprio di Tedua, Shiva, Pyrex e Capo Plaza. Una nuova formazione, che ci apre gli occhi sui talenti da tenere sotto controllo. Tutti sappiamo le carte sfoderate da questi artisti, eppure un team così fino ad oggi è stato solo Luke capace di amalgamarlo.

La voglia di tornare live è tantissima. Mi manca il palco, ma soprattutto l’atmosfera che si crea durante l’evento. Quali canzoni non vedo l’ora di suonare? Sicuramente Clochard, Sogni Matti, Solite Pare e Dream Team.

“X2” di Sick Luke è disponibile nei digital store, ma soprattutto nelle migliori classifiche mondiali. Voi quale singolo state preferendo?

Condividi sui social
Continua a leggere

Trending

Copyright Honiro.it 2018 | HONIRO SRL - P.iva : 12208631007 - Sede legale : Via del mandrione, 105 - 00181 Roma | Powered by Dam Company